I conti con le donne by Katrine Marçal
Come gli economisti hanno dimenticato l'altra metà del mondo (Italian Edition)

No critic rating

Waiting for minimum critic reviews

Synopsis

«POLEMICO E APPASSIONANTE, UN GRAN BEL LIBRO» THE OBSERVER

«AVVINCENTE E SPIETATO, FINALMENTE UN LIBRO CHE DISSACRA L’ECONOMIA. KATRINE MARÇAL HA IL CORAGGIO DI DIRE CHE SONO LE DONNE, L’AMORE, LA CURA A MANDARE AVANTI IL MONDO» RITANNA ARMENI

«Non è certo dalla benevolenza del macellaio, del birraio o del fornaio che ci aspettiamo il nostro pranzo, ma dal fatto che essi hanno cura del proprio interesse». Così scriveva nel 1776 Adam Smith, il padre dell’economia moderna. Da allora ci sentiamo ripetere che è l’egoismo a muovere il mondo; tutto – oggetti, persone, idee – è misurato sulla base di un unico metro, il mercato, ma le conseguenze estreme di questa fede cieca nell’Homo œconomicus sono ormai da tempo sotto gli occhi di tutti.
C’era però qualcuno che lavorava per Adam Smith, e non per egoismo: sua madre. Per l’economia il suo lavoro, come quello che le donne hanno sempre svolto dentro le case, in famiglia e nelle proprie comunità, non è mai esistito. Il lavoro femminile non viene calcolato nel Pil; eppure è difficile immaginare cosa sarebbe dello sviluppo, della crescita, del benessere e del Pil senza di esso.
In questo libro provocatorio e irriverente, aggressivo e ironico, Katrine Marçal attacca la base stessa del più tenace mito del nostro tempo, quello della «mano invisibile» dell’economia, mettendo finalmente nella giusta luce l’importanza del «sesso invisibile».
 

About Katrine Marçal

See more books from this Author
KATRINE MARÇAL is the lead editorial writer for the Swedish newspaper Aftonbladet, where she writes articles on Swedish and international politics, economics and feminism. On publication in Sweden, Who Cooked Adam Smith's Dinner was shortlisted for the August Prize and won the Lagercrantzen Award. She lives in London.
 
Published March 3, 2016 by Ponte alle Grazie. 184 pages
Genres: Business & Economics. Non-fiction